Validare la soluzione

7

Pagine di approfondimento

51

Checkbox da completare

7

Contributors per questa pagina

7

Pagine

51

Checkbox

Introduzione

Per ogni problema ci sono mille soluzioni. Il nostro obiettivo ora è trovarne una che funzioni bene e che sia interessante per il mercato. Attraverso il processo di validazione passiamo dal problema alla soluzione a budget 0.

1 h

Cercare competitor e soluzioni alternative

Ora che il problema specifico è chiaro, iniziamo a guardarci intorno e creiamo una sorta di mappa mentale dell’ecosistema che ci servirà in seguito.

30 m

Definire un'ipotesi di soluzione

Abbiamo raccolto spunti e trovato lacune, abbiamo parlato con i prospect e ascoltato le loro idee. Ora usiamo tutto questo per tirare giù un’ipotesi di come intendiamo risolvere noi il problema, senza andare troppo nello specifico. Per farlo usiamo la tecnica del brainstorming.

Dopo il brainstorming, selezioniamo una soluzione che possa dare un risultato quantificabile e inseriamola nel Lean Validation Canvas.

Scrivila su Miro

15 m

Definire almeno 3 value proposition

Queste value proposition devono essere specifiche per il tris target – problema – soluzione su cui si sta facendo la validazione. 

Il formato è: il target gradirebbe questa soluzione per risolve il problema 

Le value proposition si basano sul tris target – problema – soluzione, e che se invalidate, invalidano l’intero business. Un altro modo di dirlo è che sono le fondamenta su cui si basa la soluzione. Se sono vere sta in piedi, altrimenti crolla.

Es. I founder gradirebbero una checklist che li guidi nel loro percorso

Gradirebbero una community di founder per non sentirsi soli

Gradirebbero un aiuto a trovare fondi per non demoralizzarsi dalla mancanza di liquidità

Inseiscile nel Lean Validation Canvas

2 h

Creare un nome per il progetto

Parti dal presupposto che il nome cambierà una volta completata la validazione. Per ora scegline uno che suona bene, e concentrati piuttosto sulla tag line. Puoi trovarne uno usando questo strumento che genera nomi con l’AI

Dopo aver inserito 3 parole chiave – meglio non esagerare per non confondere l’AI – scegli Randomness Medium, lascia impostazione Auto per lo stile dei nomi, e nella rotellina delle impostazioni clicca Highlight name if domain is available scegliendo il tipo di estensione da te preferita.

Il sito produrrà anche dei loghi, per ora puoi usarli o ignorarli. Come già avrai capito, per ora non hanno importanza.

 

2 h

Acquistare il dominio

Ti suggeriamo di utilizzare GreenGeeks che oltre ad essere economico ed Eco Friendly ha un’ottima assistenza anche per i meno esperti. Da qui potrai acquistare il dominio e successivamente l’hosting, ovvero lo spazio sui server che ospiterà il tuo sito. 

Per semplicità ti suggeriamo di installare un hosting WordPress, il CMS (Content Management System) più famoso, flessibile e semplice che puoi trovare gratuitamente con un’infinità di guide online.

Preparati ad una spesa di circa 20€, l’unica che non puoi evitare.

2 h

Installare Elementor

Elementor è uno di diversi strumenti gratuiti che permettono di creare siti web in modo visivo e flessibile su WordPress, ma è senza dubbio quello con più materiale formativo online, con più plugin aggiuntivi e il cui prezzo della versione premium – se in futuro ti dovesse servire – è il più onesto.

  • Da WordPress vai quindi su Plugin > Aggiungi nuovo
  • Cerca Elementor e scegli Elementor website builder per installarlo
  • Dopo l’installazione, clicca Attiva

Approfondisci

2 h

Creare un pretotipo

Il pretotipo è quello che viene prima del prototipo e ci permette di validare la soluzione e di raccogliere informazioni utili senza sprecare tempo e risorse.

?

Chiedere un feedback alla community

Condividi il tuo pretotipo con la community per raccogliere feedback e perfezionarlo prima di mandarlo all’esterno

20 m

Definire un criterio di successo
Per ciascuna ipotesi va scelto un criterio di successo in linea con il pretotipo scelto, da inserire nel Lean Validation Canvas
  • Il 60% prova ad iscriversi ad una checklist che li guidi nel loro percorso
  • Il 50% si iscrive al gruppo telegram della community di startupper per non sentirsi soli
  • Il 30% clicca un pulsante per avere un aiuto a trovare fondi
  • Il 40% degli utenti negli incubatori partner chiede di usare la checklist 
  • l 60% lascia la mail per essere ricontattato
  • Almeno il 70% si iscrive al servizio in prova
  • Almeno il 30% è disponibile a pagare per iscriversi o acquistare
  • Almeno il 50% chiede informazioni sui prezzi

Scrivilo su Miro

Importante è valutare per ciascuna ipotesi qual è lo “skin in the game”, ovvero quanto gli utenti sono investiti nel prodotto / servizio, e quindi quali sono le probabilità di convertirli in clienti. Maggiore è meglio è.

1 h

Tracciamento

Senza il tracciamento e l’analisi dei dati non possiamo sapere se abbiamo superato il criterio di successo. In base al tipo di pretotipo quindi possiamo identificare diverse metriche e metodi di tracciamento

?

Hypozooming

Termine avanzato che indica l’identificazione del posto più vicino ed efficace per testare oggi stesso il nostro prototipo con un sottoinsieme rappresentativo del mio mercato.

Es. cerchiamo il primo evento sul tema startup a Milano e a tutti i founder o wannabe founder (coloro che vogliono diventare founder) mostriamo il nostro pretotipo.

?

Uscire dall'edificio

Uscire dall’edificio è un invito a incontrare persone, a partecipare ad eventi, ad andare soprattutto porta a porta dalle persone che vi interessano per conoscerle, che siano clienti o potenziali membri del team

Per fare testing più estesi, può funzionare anche l’advertising, ma chiaramente richiederà un budget iniziale.

Validate tutte le value proposition?

Prima di proseguire dovresti aver:

  • costruito e lanciato un pretotipo
  • tracciato le metriche chiave con buoni risultati
  • trovato un’ipotesi di soluzione che interessa al tuo target

 

Importante: non demoralizzarti se non hai validato tutte le value proposition, è una buona notizia. Ogni ipotesi scartata è un passo verso la giusta direzione. La validazione può fallire anche 5 o 10 volte, ma per fortuna richiede poco tempo.

Se non hai validato tutte le value proposition è il momento di fare un Pivot, ovvero un cambio di strategia, che in questo caso significa tornare al secondo step e trovare una nuova ipotesi di soluzione.

Costruire il Team

Cosa vuoi dirci?